venerdì 13 dicembre 2013

L’Olona entra in città: ricostruzione del corridoio ecologico fluviale nel tessuto metropolitano denso

Lunedì 16 dicembre alle 21 nell’Auditorium Padre Reina, sala verde, via Meda 20, a Rho, sarà presentato il progetto "L’Olona entra in città: ricostruzione del corridoio ecologico fluviale nel tessuto metropolitano denso", promosso da Comune di Rho, Legambiente Lombardia e con il coinvolgimento del Circolo Legambiente di Rho.




Il progetto, che vede la partecipazione di un pool di esperti (Università dell’Insubria, Iridra, Oikos e Idrogea) ed il finanziamento di Fondazione Cariplo, è stato premiato durante il VIII Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume, tenutosi a Firenze il 9 dicembre 2013, con il riconoscimento di "aver avviato all’interno del Contratto di Fiume Olona un approccio metodologico fortemente strutturato per la costruzione di un prototipo di riqualificazione fluviale praticabile e riproponibile in contesti altamente urbanizzati”.



Il percorso di realizzazione prevede la redazione di uno studio di fattibilità per la costruzione di un corridoio ecologico nel territorio dell'Olona Alto Milanese e per consolidare il PLIS del Basso Olona, individuando i varchi di accesso per la biodiversità alle foreste pedemontane, agli habitat del Ticino, al Parco Agricolo Sud e alla città di Milano.

La serata sarà presentata da Marco De Stefano, Presidente Circolo Legambiente di Rho, con la partecipazione di Lorenzo Baio, Legambiente Lombardia e vedrà la presenza di Gianluigi Forloni, Assessore all’Ecologia del Comune di Rho, Barbara Raimondi di Idrogea, Marco Trizzino di Oikos, e Paola Molesini del Liceo Statale Ettore Majorana di Rho.



L'importanza delle reti ecologiche è riconosciuta a livello europeo, nazionale, regionale e provinciale, la loro funzione è quella di garantire la sopravvivenza a lungo termine della biodiversità - il commento dell'assessore Forloni -. Il progetto, che sarà presentato durante la serata, si propone proprio questo: di salvaguardare la funzionalità ecologica del territorio lungo il percorso del fiume Olona, territorio ad elevata urbanizzazione dove tuttavia sopravvivono ancora aree naturali di matrice agricola, che vanno tutelate e valorizzate. L’assegnazione del riconoscimento del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume dimostra l’attenzione, che viene data a livello nazionale a progettualità che puntino alla riqualificazione fluviale in contesti difficili, dove però resistono ecosistemi da tutelare perché diventino preziose risorse ambientali, indispensabili in contesti urbani come quelli di Rho e del territorio circostante”.

Pubblicato il 12/12/13 Pubblicato da
Fonte: LegnanoNews

Nessun commento:

Posta un commento

VERDEOLONA, verso Olona River Park 2030

Il programma del Workshop " VERDEOLONA, verso Olona River Park 2030 " rivolto ad Amministratori, Tecnici, Professionisti ...